iside

Si è inaugurata il 30 maggio nel foyer del Teatro Cristallo, in via Dalmazia, la mostra fotografica realizzata dalla giovane bolzanina Iside Parrichini, che resterà aperta fino al 16 giugno. Studentessa universitaria di chimica con la passione per l’arte e per la fotografia, Iside ha già esposto le immagini di questo progetto nel 2018 alla scuola Waldorf e allo Spazio Resistenze, ma ora i suoi lavori avranno ancora più visibilità sulle pareti del foyer del teatro, dove resteranno in mostra per un mese.

Il progetto si intitola “Arte dal servizio della cultura” ed è nato attorno al tema della multiculturalità, senza pregiudizi o legami politici. “Arte al servizio della cultura” coinvolge dodici coppie di persone (i soggetti delle immagini esposte) aventi origini culturali, sociali e geografiche differenti. Consiste nella realizzazione di scatti fotografici dove il colore, da protagonista, rappresenta le qualità universali dell’anima umana: sogni, passioni, alti ideali di libertà e fratellanza che uniscono i “diversi” oltre ogni barriera.

Iside Parrichini, per realizzare il suo progetto, ha partecipato a un bando della Provincia riservato a giovani artisti e ha vinto con “Arte al servizio della cultura”, laddove servizio significa che l’arte può servire davvero ad arricchire e valorizzare la multiculturaità e l’uguaglianza, obiettivi ideali della giovane fotografa. Iside lo fa mettendo in mostra 24 immagini che ritraggono dodici coppie che hanno un legame con Bolzano, coppie nella vita oppure nel lavoro o in altri progetti.

“Il mio obiettivo – dice Iside – è proporre un percorso sociale che rappresenti in forma artistica l’incontro e il dialogo tra culture diverse, attraverso l’utilizzo di tecniche artistiche: body painting e fotografia. Realizzando una mostra fotografica e una pubblicazione di racconti biografici di tutti i partecipanti e delle caratteristiche che li uniscono”. Racconti che sono esposti in sintesi accanto alle immagini oltre che su un Notes disponibile negli stesi spazi della mostra.